Dromedario | Corpo e Riproduzione del Dromedario | Il Dromedario e l'Uomo | Contattaci | Links

Mercatini di Natale

Corpo e Riproduzione del Dromedario

Il Corpo e la Riproduzione del Dromedario

Il corpo del dromedario è ricoperto di pelo lanoso e corto che durante la stagione invernale si rivela più lungo e folto, ha un manto fulvo con tonalità variabili e presenta sul dorso una sola gobba (il cammello ne ha due!) che funge da riserva di grasso.

Ai lati della testa il dromedario presenta due orecchie piccole e mobili, su un collo robusto e lungo; gli occhi sono sporgenti mentre le narici sono richiudibili per impedire la penetrazione della sabbia al loro interno.

Il dromedario possiede una callosità nella zona sottostante il tronco, al livello delle zampe anteriori, sulla quale si appoggia qualora volesse riposarsi a terra.

Dove

Gli arti del dromedario sono sottili e lunghi, ognuno con una suola callosa che gli consente di percorrere terreni sabbiosi senza affondare. Il suo passo, essendo lambio, fa sì che l'animale muova contemporaneamente le due zampe del medesimo lato, risultando scomodo a cui quanti non sono abituati alla sua andatura.

Il dromedario necessita di poco cibo ed è capace di resistere anche per diversi giorni senza bere. Si riproduce generalmente in inverno; i maschi gonfiano il proprio palato molle dal quale vengono attirate le femmine in calore e, dopo l'accoppiamento, ha inizio la gestazione che dura circa dodici mesi.

L'unico piccolo che nasce (che pesa quasi quaranta chilogrammi) è già capace di camminare dopo poche ore dalla nascita. Le femmine lo allattano per un massimo di due anni.

Visita i Nostri Portali
Siti Dove Compro Passatempi Food
Navigare Facile Meteo Prestiti A portata di Mouse Risultati Calcio